fiera dell'edilizia

Fiera dell’edilizia e governo ladro!

Fare la fiera dell’edilizia serve a trovare nuovi clienti?

Settimana scorsa c’è stata la fiera dell’edilizia a Bologna, il famoso SAIE.

L’ultima  volta che sei stato in una fiera del genere, molto probabilmente, sarai uscito con un sacco di gadget e avrai visto tante belle donne in minigonna…oltre ai materiali edili, vero?

Ecco, perché ultimamente puoi ottenere solo questo: carta per il camino e qualche sorriso da parte di qualche hostess.

La verità è questa: siamo talmente bombardati tutti i giorni da pubblicità, che le fiere di settore come il SAIE e il MADE EXPO sono diventate inutili o poco più.

 Se ha bisogno di qualcosa di specifico, il cliente se lo cerca su internet. I risultati parlano chiaro: ormai non ci va quasi più nessuno. E’ letteralmente cambiato il modo di approccio all’acquisto da parte dei consumatori: quando hanno bisogno ti cercano, altrimenti no! E con Internet ti trovano quando vogliono loro, se sei presente. Se invece la tua unica presenza è in fiera a ottobre a Bologna ma i clienti ti cercano a luglio a Bari, caro mio, sei introvabile.

Qualche Novità o la solita pappardella?

In un luogo dove quasi tutti gli espositori sono uguali e l’organizzazione accetta chiunque e li ammassa nello stesso padiglione, l’unico bagliore di speranza per queste fiere è la formazione.

E pure qua mi hanno deluso.

Banner guida

 

 

FORMAZIONE TECNICA, CONVEGNI TECNICI, PROGETTAZIONE TECNICA: TECNICAMENTE DUE PALLE!

Non so se capita anche a te di avere una rabbia disumana nei confronti delle istituzioni e associazioni. Che siano di stampo politico o di categoria, io non le sopporto più. Non sono contro a prescindere, ma mi rendo conto che pago per servizi che non mi aiutano nel quotidiano.

Mi spiego meglio.

In edilizia sono nati come funghi corsi per progettare in classe A, ristrutturare in classe A, progettare in zona sismica, disegnare coi pastelli a colori e via dicendo. Se sei un ingegnere l'albo ti obbliga a fare -e  pagare- i corsi sulla sicurezza, se sei un'impresa devi iscriverti e pagare la camera di commercio, la cassa edile, le tasse...E IO PAAAGO!

Sono tutte istituzioni  che non mi danno strumenti utili per sbarcare il lunario. 

O meglio, non è proprio così. Non metto in dubbio che serva essere un vero professionista, e solo formandosi si è in grado di conoscere tecnologie adeguate a risolvere problemi attuali. L’unico problema è che non ti formano per portare a casa la pagnotta.

E’ come se Roofus, il nostro cavernicolo (leggi la sua breve storia qua)  insegnasse ai suoi piccoli a  costruire archi e frecce ma non a cacciare. Puoi avere le frecce più appuntite e le lame più affilate, ma se non sai usare l’arco in mezzo alla foresta sei spacciato.

Non ti è mai capitato di sentirti un super esperto? Ormai ci sono corsi che tecnicamente ti insegnano qualsiasi cosa.

E non ti domandi come mai, se sei certificato TUTTOLOGO EDILE SUPERFIGO, non riesci a comprarti la Ferrari?

Perché se hai fatto 300 corsi di formazione tecnica non riesci a vendere le case che hai appena costruito? Non ti senti frustrato dal fatto che prima ti dicono che “diventare certificatore energetico ti farà diventare ricco”, “che è il lavoro del futuro”, e ora sono tutti certificatori e non è cambiato niente al tuo conto corrente?

Immagino di si! E sai qual’è la risposta? Che nessuno ti ha mai insegnato a vendere. Ti hanno insegnato a disegnare, posare la guaina, smaltire l’eternit, ma non a vendere.

  • Cosa ne fai del patentino di smaltimento eternit se non riesci  a convincere un cliente che deve far smaltire a te il suo piffero di amianto?
  • Come puoi progettare una nuova copertura se non sei in grado di vendere il tuo disegno all’impresa?
  • Come puoi fatturare di più se ogni volta il privato confronta al ribasso il tuo preventivo con quello di un altro coperturista?

La risposta è: IMPARA A VENDERE!

Quindi, la prossima volta che stai pensando se esporre alla fiera o imparare a vendere, fai la seconda scelta. E’ un ottimo modo per salvarsi dalla crisi.

Pensa a quante volte hai investito in un mezzo e hai impiegato anni ad ammortizzarlo? Quella ruspa da 30.000 € ti ha fatto fare un sacco di cantieri, sono d’accordo. E condivido che ci vogliono dei buoni attrezzi per fare il lavoro. Però il problema è sempre quello: anche con la miglior motosega al mondo, se non chiudi un contratto non la userai mai.

E il mondo del subappalto è finito. Avevo clienti che non vedevano mai un privato, facevano tetti per immobiliaristi che li pagavano puntualmente finito il lavoro e li mandavano a lavorare da un’altra parte. Ora la pacchia è finita. Il nuovo è morto, e non sono l’unico a dirlo.

Qundi se:

  • I tuoi vecchi "datori di lavoro"  immobiliaristi sono scomparsi
  • I preventivi fatti l'anno scorso sono la metà di quelli di 5 anni fa
  • Vendi a prezzi più bassi e compri materiale a prezzi più alti
  • Impazzisci a chiudere i contratti
  • I tuoi venditori ti chiedono continuamente di abbassare i preventivi
  • Le imprese che ti danno lavoro ti pagano poco e male
  • Vuoi lavorare coi privati

Impara a vendere in  e segui l’unico corso in Italia dedicato alla vendita in edilizia.                                                                                                  Nel frattempo scarica la guida gratuita che ti svela le linee guida per vendere un tetto oggi.

Che cosa significa imparare a vendere in edilizia

Significa imparare a cacciare, in diverse situazioni, nella foresta e nel deserto. Significa saper cercare la preda, seguirne le tracce e non farsi fregare dalle altre tribù.  Significa capire che tipo di animale ho davanti e se sono in grado di catturarlo o se meglio cercarne un altro.  Significa saper capire dove andrà l’animale e dove spingerlo. Significa imparare a sapere usare alla perfezioni le armi e combattere a mani nude.

Significa sapere poi cucinare la carne, saperla conservare per i prossimi periodi di carestia.

Vendere significa saper procurarsi il cibo!

 E comincia il tuo allenamento da qui.

Stai all’asciutto,

Fabio

 

Banner guida

 

 

 

 

 

About The Author

Enzo Volpi

Specialista di Vendita e Marketing in Edilizia

Commenta questo articolo e condividi